Nuovo di IoCasa? Leggi le FAQ

Ritratto di Clementina
Clementina
16327

Le casalinghe percepiscono una pensione?

Salve a tutti, una mia vicina di casa che non lavora da tempo e ha deciso di dedicarsi ai suoi figli e all'orto di casa, mi ha chiesto qualche informazione circa la pensione delle casalinghe. Sinceramente non mi sono mai posta domande a tal proposito ma sapendo che lei non è troppo avvezza alla tecnologia, vorrei raccogliere io qualche informazione. Come funziona? Esiste un fondo pensioni specifico?

Sab, 15/06/2013 - 14:17

Commenti : 0

Risposte

3

AnswerWidget

Cara , per fortuna dal 1995 è stato istituito un fondo pensioni per le casalinghe, ovvero per tutti coloro (uomini compresi) che si prendono cura della famiglia. Requisiti sono:

  • avere un'età compresa tra i 15 e i 65 anni;
  • essere registrati all'Inps e non presso altri enti provvidenziali;
  • non percepire reddito da attività lavorative esterne alla famiglia.

Si può reperire il modulo presso qualsiasi ufficio INPS.

Mar, 18/06/2013 - 19:25

Naturalmente, non basta iscriversi ma come per tutte le pensioni, anche in questo caso, bisogna versare dei contributi il cui importo può essere stabilito in base alle possibilità di ciascuno (naturalmente esiste un importo minimo ma molto basso, di circa 25 euro al mese). I contributi versati, se si è sposati ad un lavoratore che effettua la dichiarazione dei redditi, possono essere detratti su quest'ultima. Qualora la casalinga presenti difficoltà palesi che le impediscono di lavorare, una volta versati 5 anni di contributi, può richiedere la pensione di inabilità, ma credo che questo non sia il caso della persona di cui tu parli.  

Mer, 26/06/2013 - 15:12

Esiste anche la Federcasalinghe, l'Associazione nazionale delle casalinghe appunto, che offre consulenza e tanti vantaggi alle donne che si prendono cura della loro famiglia. È necessario essere socie.

Oltre alla pensione, cui per aver diritto bisogna possedere gli stessi requisiti degli altri lavoratori, vi è un assegno sociale, anche questo a partire dal 2018 riscuotibile solo da coloro che abbiano compiuto 66 anni. Naturalmente, per riscuotere l'assegno sociale, è necessario avere un reddito bassissimo ed entrate mensili inferiori all'importo dell'assegno stesso.  

Lun, 01/07/2013 - 10:00

Cara , per fortuna dal 1995 è stato istituito un fondo pensioni per le casalinghe, ovvero per tutti coloro (uomini compresi) che si prendono cura della famiglia. Requisiti sono:

  • avere un'età compresa tra i 15 e i 65 anni;
  • essere registrati all'Inps e non presso altri enti provvidenziali;
  • non percepire reddito da attività lavorative esterne alla famiglia.

Si può reperire il modulo presso qualsiasi ufficio INPS.

Mar, 18/06/2013 - 19:25

Naturalmente, non basta iscriversi ma come per tutte le pensioni, anche in questo caso, bisogna versare dei contributi il cui importo può essere stabilito in base alle possibilità di ciascuno (naturalmente esiste un importo minimo ma molto basso, di circa 25 euro al mese). I contributi versati, se si è sposati ad un lavoratore che effettua la dichiarazione dei redditi, possono essere detratti su quest'ultima. Qualora la casalinga presenti difficoltà palesi che le impediscono di lavorare, una volta versati 5 anni di contributi, può richiedere la pensione di inabilità, ma credo che questo non sia il caso della persona di cui tu parli.  

Mer, 26/06/2013 - 15:12

Esiste anche la Federcasalinghe, l'Associazione nazionale delle casalinghe appunto, che offre consulenza e tanti vantaggi alle donne che si prendono cura della loro famiglia. È necessario essere socie.

Oltre alla pensione, cui per aver diritto bisogna possedere gli stessi requisiti degli altri lavoratori, vi è un assegno sociale, anche questo a partire dal 2018 riscuotibile solo da coloro che abbiano compiuto 66 anni. Naturalmente, per riscuotere l'assegno sociale, è necessario avere un reddito bassissimo ed entrate mensili inferiori all'importo dell'assegno stesso.  

Lun, 01/07/2013 - 10:00
apex apex-2
randomness