Nuovo di IoCasa? Leggi le FAQ

La moquette in nuova veste

Moquette velluto-Vorwerk

Gli esperti di Iocasa.it

Ritratto di Team editoriale

Team editoriale

Non si può certo dire che la moquette sia un rivestimento molto apprezzato. Rispetto ai pavimenti in ceramica o al parquet viene, anzi, piuttosto trascurata. Si preferiscono i rivestimenti naturali in pietra o in legno. In più, la moquette è da sempre stata sconsigliata alle persone allergiche perché, così si credeva, favorisce il formarsi di polvere.

Invece, come si è scoperto da poco, è tutto il contrario. Infatti, la moquette trattiene la polvere finché questa non venga aspirata dall'aspirapolvere (naturalmente provvisto di filtro Hepa per non far disperdere la polvere nell'aria), mentre il parquet o altri rivestimenti dovrebbero essere lavati ogni giorno per evitare che la polvere venga alzata e si disperdi nell'aria.

Moquette di velluto Vorwerk

Ma anche per quanto riguarda le sostanze nocive, come la formaldeide o plasticizzanti, le nuove moquette sono molto più all'avanguardia. Oggi, una moquette di alta qualità non contiene più agenti inquinanti o semmai, in una quantità molto ridotta e che risulta innocua per gli abitanti della casa.

Questo soprattutto, perché il retro della moquette non è più fatto di gommapiuma, ma di tessuto non tessuto il quale attenua anche l'impatto diretto con il pavimento duro, favorendo così una sollecitazione minore delle articolazioni. In più, il tessuto non tessuto si adatta al riscaldamento a pavimento perché fa passare il calore.

Ci sono delle novità anche per quanto riguarda la posa della moquette. Dei nastri adesivi particolari per la moquette a tessuto non tessuto non solo facilitano la procedura della posa, ma sostituiscono soprattutto la colla nociva e fastidiosa che fin'ora, una volta rimossa la moquette, rimaneva attaccata al pavimento sottostante – insieme ai pezzi della moquette!

Moquette di colori vivaci e disegni audaci

Insieme alla carta da parati, la moquette sta tornando nelle nostre stanze, rinnovata nelle sue proprietà strutturali, ma anche nel suo design. La moquette rende l'ambiente caloroso e grazie al suo colore e alla sua struttura determina (senza dominarlo) il carattere di una stanza.

Le nuove moquette si adattano a un arredamento minimalista, di forme pure e ridotte, come si adattano a un arredamento classico o perfino dominato da pezzi di antiquariato. Insuperata la moquette di lana, per le sue qualità di assorbire e rilasciare l'umidità nell'aria e favorire così un microclima perfetto.

Sorprende con dei colori appariscenti e dei disegni audaci, come la moquette fuchsia  in velluto di lana di Bomat o la moquette di Vorwerk ai disegni che sembrano psichedelici.

Moquette in lana pura di Besana

Besana Moquette, invece, con la sua moquette di lana pura e con il retro di juta sintetica, prende la strada opposta, con una moquette non solo dai materiali 100% naturali, ma anche dal design e dai colori semplici e puristi.

Moquette retro di Vorwerk

Diversi motivi floreali e a forme irregolari vengono anche incontro agli amanti del retro tra di noi. Queste moquette si adattano agli arredamenti stile anni 70, magari abbinate a una carta da parati retro, molto di tendenza.

 

Moquette con motivi geometrici

Molto in voga sono anche i motivi geometrici, strisce, quadri e cerchi, che, applicati alla moquette, possono a volte assumere un aspetto leggermente retro. Evocano certe stanze d'albergo del primo Novecento e portano questo charme nostalgico dentro casa nostra.

Sab, 04/08/2012 - 10:06
Magazine Category: 
apex apex-2
randomness